Premium Sport

Formula 1, la Ferrari trionfa a Spa

Vettel vince davanti a Hamilton e si porta a -17 dal rivale della Mercedes a una settimana dal Gp di Monza

  • TTT
  • Condividi

Sotto la pioggia la Ferrari torna a vincere a Spa, GP del Belgio, dopo nove anni e lo fa grazie a Sebastian Vettel. Poco dopo l'inizia il pilota tedesco si è reso protagonista di una grande manovra infilando Lewis Hamilton. Il campione del mondo in carica non è più riuscito a superarlo. Con questo successo, Vettel si porta a -17 dal britannico in classifica, a una settimana esatta dal GP di Monza. Terzo posto per Max Verstappen, costretti al ritiro Leclerc, Alonso, Hulkenberg, Raikkonen e Ricciardo. Bella rimonta di Bottas, che risale dal diciassettesimo al quarto posto.

VETTEL: "GUARDIAMO CON OTTIMISMO A MONZA"

"Quella di oggi è stata una grandissima partenza, sapevo di avere una possibilità sulla collina. L'anno scorso non ci riuscivo mai, quest'anno va meglio. Guardiamo con ottimismo a Monza". Sebastian Vettel esprime la sua soddisfazione nel dopo gara nel Gp del Belgio, commentando l'azione che lo ha portato a sorpassare quasi subito Lewis Hamilton.

"Con la safety car si è un po' rivoltata la situazione, ma sono ripartito bene e la gara è stata lineare - ha proseguito il tedesco -. Lewis ha spinto molto dopo il primo stint, ma è rimasto tutto sotto controllo. Anche nel traffico sono stato fortunato, sono riuscito a superare sul rettilineo, perdendo poco tempo. Negli ultimi 15 giri ho visto che lui non spingeva tanto e mi sono potuto rilassare, mi sono goduto il pubblico", ha concluso Vettel.

HAMILTON: "LA FERRARI AVEVA QUALCOSA DI MAGICO"

"Congratulazioni a Seb. Io ho fatto il possibile in gara ma in questo fine settimana non potevamo fare di più". Così Lewis Hamilton al termine del Gp del Belgio. La Ferrari aveva "qualcosa di magico al suo interno", ha aggiunto scherzando il britannico, spiegando poi che se anche avesse risorpassato il ferrarista sarebbe stato comunque ripreso e superato nel successivo rettilineo, "mi ha passato come se non ci fossi nemmeno...".