Premium Sport

Champions: Ronaldo e Kane show, il City a valanga

Doppietta per CR7 e per l'inglese, 2-2 spettacolo tra Liverpool e Siviglia, sorpresa Besiktas

  • TTT
  • Condividi

GIRONE F (lo stesso del Napoli) - Feyenoord-Manchester City 0-4 - Pronti via e il Man City è già in vantaggio grazie al colpo di testa di Stones, che fa "tunnel" a Vilhena, posizionato sulla linea di porta (in teoria) per difenderla. Al decimo minuto la squadra di Guardiola chiude di fatto la partita con Aguero, che finalizza al meglio una splendida azione giocata tutta di prima dai Citizens. Il tris degli inglesi arriva al 25' ed è la prima rete in carriera in Champions per Gabriel Jesus, che mette in porta da due passi con la difesa ferma che protestava per un fuorigioco. Il 4-0 della banda Guardiola arriva a metà ripresa e a segnare è ancora Stones, che vola di testa e firma la personale doppietta.
Classifica: Manchester City e Shakhtar 3, Napli e Feyenoord 0

GIRONE E - Liverpool-Siviglia 2-2 - I Reds scendono in campo ancora scossi dalla manita subita dal Man City nel weekend e dopo 5 minuti sono già sotto puniti dal solito Ben Yedder, bravo a sfruttare una grave distrazione difensiva. Col passare dei minuti però il Liverpool alza il ritmo e al 20esimo Anfield e Klopp esplodono grazie a Firmino, che sigla il pari ben imbeccato da Moreno. A dieci minuti dalla fine della prima frazione il Liverpool ribalta la partita grazie a Salah, che strappa il pallone a un avversario (forse con un fallo) e tirando trova la decisiva diviazione di Ilsanker che beffa il proprio portiere. In chiusura di primo tempo grande chance di fare doppietta per Firmino, ma il suo rigore finisce sul palo. Un errore gravissimo per i Reds, che a venti minuti dal termine vengono raggiunti dalla rete di Correa, bravo a sfruttare al meglio l'assist di Muriel.
Maribor-Spartak Mosca 1-1 - Unico primo tempo senza reti della serata e unica gara con poche emozioni quella giocata in Slovenia, che nella prima frazione si fa segnalare soprattutto per la follia dei tifosi russi, che lanciano un razzo verso l'arbitro (guarda il video). La partita si accende però nella ripresa, soprattutto dopo il vantaggio degli ospiti firmato da Samedov, lesto ad arrivare su una respinta del portiere. A questo punto i padroni di casa alzano il ritmo e costringono i russi nella loro metà campo e a 5 minuti dal triplice fischio trovano il meritato pareggio con Bohar, che fa impazzire i tifosi di casa.
Classifica: Liverpool, Siviglia, Spartak Mosca e Maribor 1

GIRONE G - Lipsia-Monaco 1-1 - Serata di festa alla Red Bull Arena per lo storico debutto del Lipsia in Champions League e l'Arena esplode letteralmente di gioia al 32esimo minuto, quando Forsberg cavalca sulla fascia, buca la difesa del Monaco e batte Subasic per l'1-0. I festeggiamenti però distraggono i padroni di casa, che dopo soltanto un minuto subiscono il pareggio dei francesi: assenti Jovetic e Keita, ci pensa l'altro nuovo acquisto Tielemans, che risolve una mischia in area e fa 1-1. Partita molto bloccata nella ripresa, il pareggio sembra accontentare tutti, allora Jardim a 15' dal termine manda in campo Keita, ma neanche la vivacità dell'ex Lazio risolve il match. 
Porto-Besiktas 1-3 - Avvio a sorpresa in Portogallo, dove i padroni di casa vanno sotto dopo un quarto d'ora puniti da un gran colpo di testa di Talisca al termine di una bella azione in contropiede. La reazione del Porto è veemente, ma Torres trova solo il palo interno. Il pareggio arriva comunque intorno al 20esimo minuto grazie a uno sfortunato autogol di Tosic, che mette nella sua porta su azione da corner. Neanche dieci minuti, però, e i turchi tornano un vantaggio grazie al bolide da fuori di Tosun, che trova un po' impreparato Iker Casillas. Il primo tempo si chiude sull'1-2, ma nella ripresa in campo c'è praticamente solo il Porto: i padroni di casa però non trovano mai il pareggio e nel finale vengono clamorosamente beffati dal tris di Babel che chiude il match (il Porto non aveva ancora subito gol in questa stagione).
Classifica: Besiktas 3, Monaco e Lispia 1, Porto 0.

GIRONE H - Real Madrid-Apoel Nicosia 3-0 - Dopo un mese di assenza Cristiano Ronaldo torna in campo e in soli 12 minuti ritrova subito il gol ispirato da una meravigliosa giocata di Isco (con questo sono 106 i gol in Champions di CR7, che torna +10 su Messi). Zidane perde Kovacic uscito in lacrime, ma il Real domina comunque il primo tempo creando tantissime palle gol ma senza trovare il raddoppio. Raddoppio che chiede Ronaldo in avvio di ripresa, ma il suo colpo di testa non supera la linea di porta. Il portoghese però deve aspettare solo 5 minuti, il suo rigore è preciso e i gol in Champions diventano 107. Poco dopo arriva anche il tris di Sergio Ramos, che manda i titoli di coda: i campioni in carica hanno già Kiev nel mirino.
Tottenham-Dortmund 3-1 - Ci si aspettavano tante emozioni e l'avvio di gara soddisfa subito le aspettative: dopo 3 minuti Son Heung-Min sfonda sulla sinistra in un coast to coast alla Zappacosta, arriva fino dentro l'area e batte Burki sul suo palo. Passano neanche 10 minuti e il Dortmund firma subito il pari grazie a un gioiello di Yarmolenko, che trova l'incrocio con un sinistro magico da fuori area. Al 15esimo i gol sono già tre e la firma è quella di Kane, che surclassa Papastathopoulos fisicamente e scarica un missile sotto la traversa. A fine primo tempo gol giustamente annullato al Dortmund, mentre nella ripresa la rete di Aubameyang sarebbe buona, ma Rocchi annulla incomprensibilmente. Dal possibile 2-2, al 3-1 per il Tottenham e a segnare è ancora Kane, che fa doppietta e fa impazzire Wembley.
Classifica: Real Madrid e Tottenham 3, Dortmund e Apoel 0.