Premium Sport

Campionato Primavera, Inter-Fiorentina 2-0: decidono Colidio e Rover

I nerazzurri vincono il nono scudetto ai supplementari

  • TTT
  • Condividi

L'Inter di Stefano Vecchi vince il suo nono scudetto Primavera (secondo consecutivo, come accaduto in precedenza solo a Torino, Roma, Perugia e Lecce) grazie alla vittoria per 2-0 dopo i supplementari nella finale di categoria contro la Fiorentina, un remake dello scorso anno: decidono le reti di Facundo Colidio, uomo delle finali dopo la doppietta contro la Roma che aveva portato la Supercoppa Italiana ai nerazzurri, al 94' e quella fortunosa di Rover che al 106' si vede rimbalzare addosso il pallone smanacciato male da Cerofolini. I viola costretti a rinviare ancora una volta l'appuntamento con il titolo, che manca dal 1983. 

Primi novanta minuti (al Mapei Stadium diverse personalità del calcio: da Spalletti ad Ausilio per passare a Pioli e Palombo) molto intensi e tattici, poco spettacolari. Bigica perde Diakhaté (subentra Faye) ma rischia di passare in vantaggio con Sottil, destro fuori di poco. Nel finale di primo tempo grande occasione per Zaniolo che di testa colpisce bene il cross di Valietti alzando però sopra la traversa. Ripresa più briosa, qualche occasione in più soprattutto per l'Inter grazie all'ingresso di Rover: Cerofolini decisivo su Colidio di tacco e ancora sull'ala destra nerazzurra. Prima dei supplementari, ultima chance viola con Valencic che vede il destro respinto da Pissardo: nell'extra time Colidio e Rover consentono all'Inter di agganciare a quota nove i titoli Primavera del Torino.

I tre titoli (scudetto, Supercoppa Italiana e il Torneo di Viareggio) di questa stagione hanno portato nelle casse del club circa 1,5 milioni (500 mila euro a trofeo), grazie ai bonus contenuti nell'accordo di sponsorizzazione con Suning.